Tu sei qui
Home > Attualità > Jobbing Fest, un roadshow lucano per raccontare il lavoro

Jobbing Fest, un roadshow lucano per raccontare il lavoro

Dal 14 al 18 ottobre 2019 in Basilicata, un festival itinerante del lavoro per i giovani, con numerosi esperti

C’è un Festival di cui vale la pena parlare, un festival itinerante che vede protagonista tutta la Basilicata. Si chiama Jobbing Fest ed è un’ulteriore opportunità di comprendere le novità, gli stimoli e le competenze professionali più ricercate dal mondo del lavoro.

Nasce nel 2013 per volontà di Vito Verrastro, un giornalista freelance, appassionato di temi di lavoro e fondatore dell’interessante progetto di podcasting, Lavoradio.

Un roadshow in cinque tappe, nei principali centri lucani che vuole raccontare il lavoro e sottolineare la sfida delle competenze in 18 eventi.

L’occasione è la Settimana europea delle competenze professionali di cui il festival è partner ufficiale, sostenuto da un progetto FSE della Regione Basilicata e da altri attori pubblici e privati.

Un percorso formativo che vede coinvolti studenti delle scuole superiori, NEET, laureandi e laureati e tutti coloro che fanno della formazione continua la loro leva professionale. Il Jobbing Fest si svolge su 5 macroaree, Melfi, Potenza, Lagonegro, Policoro, Matera, in 5 giorni, dal 14 al 18 ottobre 2019, in tre appuntamenti quotidiani, mattino, pomeriggio e sera.

Oltre a percorsi didattici con le scuole sul lavoro del futuro, ci saranno appuntamenti pomeridiani con esperti del settore e talk show serali con personaggi di rilievo nazionale, tra cui imprenditori, sportivi, professionisti, autori. Alcuni nomi? Lorenzo Cavalieri di Sparring e autore de “Il lavoro non è un posto”, Vincenzo Moretti, creatore del manifesto sul “Lavorobenfatto”, sociologo e narratore, Antonio Pescapè, direttore di Digita Academy e Pasquale Larocca, campione di sci estremo.

Tra le attività collaterali un gruppo locale di cabaret “La Ricotta” racconterà con ironia il mondo del lavoro e delle competenze nello spettacolo “Ci sarà una volta”. 

Un festival policromatico e ben costruito a cui guardare con interesse specialmente per i suoi obiettivi, Jobbing Fest infatti, vuole «portare consapevolezza sul mondo del lavoro che cambia e trasferire l’input a lavorare costantemente su se stessi per allenarsi al futuro», dice il patron Vito Verrastro. E per l’edizione 2020 le prospettive di sviluppo del festival sono ancora più interessanti perché verranno integrati elementi innovativi come la gamification, la ricerca/valorizzazione dei talenti e la mentorship per ampliare il target e per qualificare ulteriormente il percorso.

A chi potrà partecipare, buon Jobbing Fest!

Lascia un commento

Top